What “game” are we playing? “Parktraits” in… “revealing cards” – A che “gioco” giochiamo? “Parktraits” a… “carte scoperte”

What “game” are we playing?

“Parktraits” in… “revealing cards”

Picsart_23-07-29_21-40-03-706

G. Regnani, Parktrait_#0, 2023

An additional value of this collection of “pop” self-portraits can be found in the fact that the participants are personally involved. As they say, they “put their face into it.” Literally. They “put themselves on the line,” concretely, by “speaking” about Parkinson’s Disease, following the path of pop art, in the form of photographs, string art, paintings, comics, and more.

But why do they do it?

First and foremost, they intend to share and testify, in a somewhat “light” manner and from various angles, the challenging journey of people with Parkinson’s Disease. In doing so, they also aim to “lower defenses” and reduce the stigma still prevalent towards Parkinson’s Disease. It is a neurodegenerative condition that, even in unexpected environments, is still improperly referred to as a “plague” rather than a “disease.”

Furthermore, the participants of “Parktraits” transform themselves into a world of faces, selfies, and diverse and colorful reinterpretations. These reinterpretations are presented in a non-rejecting format, aiming to be attractive and captivating like comics or colorful drawings inspired by pop art. In doing so, they attempt to create a more accessible and engaging visual and emotional experience for the audience.

This “pop” presentation intends to promote greater understanding, empathy, and appreciation for individuals directly or indirectly living with Parkinson’s Disease. It encompasses patients as well as their caregivers, families, friends, healthcare professionals, and the world of associations.

Pop art is known for its ability to make aspects of mass culture and society visible, breaking traditional patterns and challenging conventions. Using this aesthetic to represent Parkinson’s Disease seeks to dismantle any existing stereotypes – those that are “hard to die” – and bring forth a more authentic and human representation of the condition.

The collection “Parktraits” aims to achieve all of this by lightly describing a world that, unfortunately, is not light at all. However, Parkinson’s Disease is not just suffering; it is also a desire to react, resist, and, using a now trendy term, resilience. Transforming self-portraits into comics, string art works, paintings, drawings, and more aims to “tell” a story of a world that does not “fold in on itself” but rather reacts, when possible, with good humor, imagination, and colors.

It seeks to “speak” about Parkinson’s by creating a sense of playfulness and enjoyment, which should not be misunderstood. The goal is to make the topic of Parkinson’s Disease less burdensome and offer a new perspective for approaching the condition. This creative approach aims to encourage greater participation, involving the audience in a lighter yet profound and emotional way.

The combination – or “con-fusion” – of self-portraits, selfies, photo editing, and the aesthetics of pop art seeks to challenge stereotypes, lower defenses, and promote greater understanding and acceptance of Parkinson’s Disease.

These reinterpreted portraits represent a form of creative expression that we hope will evoke a sense of greater empathy and sensitivity. Through the details of the face, expressions, and unique features of the individuals portrayed, it becomes possible to grasp a range of emotions and sensations that go beyond words.

These reinterpreted portraits depict people with Parkinson’s Disease, as well as individuals who do not directly experience the condition, purposely mixed together to potentially enhance empathy. They invite us to look beyond the disease itself and connect with the human experiences that lie beneath.

We can perceive the determination and strength that these individuals demonstrate in living with and around the disease, despite the daily challenges they face. We can also appreciate the resilience and adaptability of both patients and those who surround them, such as caregivers, family members, friends, healthcare professionals, associations, etc., who provide support and assistance.

Through these reinterpreted portraits, these “simple” images, we are invited to put ourselves in the shoes of the portrayed individuals and try to understand their experiences and feelings. By doing so, we can overcome any prejudices or stereotypes we may hold about Parkinson’s Disease and develop a more authentic connection with those living with the condition. Empathy helps us see beyond the disease itself and recognize the dignity and intrinsic value of every person.

Furthermore, the empathy that arises from these portraits can extend beyond the individual observer, creating an opportunity for shared experiences among these images and a potentially broad audience. The hope is to generate greater collective understanding and awareness of Parkinson’s Disease, reducing the isolation that individuals with Parkinson’s Disease may often feel and fostering a more inclusive and compassionate society.

Ultimately, these portraits of individuals with Parkinson’s Disease, and the universe that surrounds them, are meant to be an opportunity for deep connection and the development of empathy. They allow us to approach individuals – human beings like you, like us – and their experiences, appreciating their humanity and fully recognizing the value of every person.

And through this empathy, we can strive to break down any remaining barriers and create a more welcoming and understanding environment not only for those living with Parkinson’s Disease.

Rome, July 8, 2023

Gerardo Regnani

***

Picsart_23-07-29_21-40-03-706

G. Regnani, Parktrait_#0, 2023

Un ulteriore valore aggiunto di questa raccolta di autoritratti “pop”, può essere individuato proprio nel fatto che i protagonisti partecipano in prima persona.

Come si suol dire: ci “mettono la faccia”. Letteralmente.

Si “mettono in gioco”, concretamente, “parlandoci” della Malattia di Parkinson, sulla falsariga della pop art, nella forma di fotografie, string art, quadri, fumetti, etc.

Ma perché lo fanno?

Innanzitutto, perché intendono condividere testimoniare in modo, per così dire, “leggero”, e da più angolazioni, il cammino difficile delle persone con la Malattia di Parkinson. Cercando, in tal modo, anche di “abbassare le difese” e ridurre lo stigma, ancora presente e diffuso, nei confronti della Malattia di Parkinson.

Una patologia neurodegenerativa che, in molti, anche in ambienti nei quali non te lo aspetteresti, viene ancora, impropriamente, chiamata “Morbo” e non “Malattia”.

E, anche per raccontare questo, che i protagonisti di “Parktraits” si trasformano in un mondo di volti, di “selfie”, di ri-tratti multiformi e multicolore.

Ri-tratti, dunque, in un formato non respingente, che si spera risulti attraente, accattivante, come un fumetto o dei disegni colorati ispirati alla pop art.

E, così facendo, provano a creare un’esperienza visiva e emozionale più accessibile e coinvolgente per il pubblico.

Questo tipo di presentazione, questa scelta “pop”, intende, dunque, favorire una maggiore comprensione, empatia e apprezzamento per le persone che convivono, direttamente o indirettamente, con la Malattia di Parkinson: i pazienti, così come per i loro caregiver, i loro familiari, gli amici, il personale sanitario, il mondo delle associazioni, etc.

La pop art è nota per la sua capacità di rendere visibili e mettere in luce aspetti della cultura di massa e della società, rompendo gli schemi tradizionali e sfidando le convenzioni. Utilizzare questa estetica per rappresentare la Malattia di Parkinson prova a contribuire a smantellare eventuali stereotipi ancora esistenti – e, dunque, “duri a morire” – cercando di far emergere una rappresentazione più autentica e umana della condizione.

La raccolta “Parktraits” vuole dunque anche tutto questo, descrivendo in modo “leggero” un mondo che tale, purtroppo, non lo è.

Ma la Malattia di Parkinson non è solo sofferenza, è anche desiderio di reazione, di resistenza e, usando un termine ormai di moda, resilienza.

E la trasformazione degli autoritratti in fumetti, opere di string art, quadri, disegni e altro intende “raccontare” un mondo che non si “ripiega su sè stesso” e reagisce, anche, quando è possibile, con il buon umore, la fantasia, i colori…

Tenta di “parlare” del Parkinson creando un senso di giocosità e divertimento, da non fraintendere, ovviamente, cercando di rendere il tema della Malattia di Parkinson meno “pesante” e offrendo una nuova prospettiva per affrontare la condizione. Un approccio creativo che intenderebbe incoraggiare una maggiore partecipazione, coinvolgendo il pubblico in modo più “leggero”, si è detto, e, insieme, profondo ed emozionale.

La combinazione – o con-fusione – di autoritratti, ovvero “selfie”, photo editor e l’estetica della pop art cerca, quindi, di rimettere in discussione gli stereotipi, abbassare le difese e favorire una maggiore comprensione e accettazione della Malattia di Parkinson.

I ri-tratti rappresentano, dunque, una forma di espressione creativa che ci si augura possa suscitare un senso di maggiore empatia e sensibilità.

Attraverso i dettagli del viso, le espressioni e i tratti unici delle persone ritratte, si spera sia dunque possibile cogliere una gamma di emozioni e sensazioni che vanno al di là delle parole.

Ri-tratti di persone con la Malattia di Parkinson, ma anche di persone che non vivono direttamente la condizione, volutamente non definiti come tali e “miscelati” insieme perché l’empatia possa essere sperabilmente ancora più significativa.

Questi ritratti ci invitano a guardare al di là della Malattia stessa e a connetterci con le esperienze umane che vi si celano dietro.

Possiamo percepire la determinazione e la forza che queste persone dimostrano nel vivere con e intorno alla Malattia, nonostante le sfide che devono affrontare quotidianamente. Possiamo cogliere, come anzidetto, la resilienza e l’adattabilità dei malati, ma anche di tutti coloro che li circondano, come i già nominati: caregiver, familiari, amici, personale sanitario, associazioni, etc. che forniscono supporto e assistenza.

Attraverso questi ri-tratti, delle “semplici” immagini, in fondo, siamo invitati a metterci nei panni dei protagonisti raffigurati e a cercare di comprendere le loro esperienze e i loro sentimenti. E, in tal modo, ripetiamolo, provare a superare i pregiudizi o gli stereotipi che potremmo ancora eventualmente avere sulla Malattia di Parkinson e di sviluppare una connessione più autentica con coloro che vivono tale condizione. L’empatia ci aiuta a vedere al di là della Malattia stessa e a riconoscere la dignità e il valore intrinseco di ogni persona.

Inoltre, l’empatia che scaturisce dai ritratti può estendersi al di là dell’osservatore singolo, creando un’opportunità di condivisione tra queste immagini e un pubblico che ci si augura sia il più ampio possibile.

Si spera, dunque, di suscitare una maggiore comprensione collettiva e una maggiore consapevolezza riguardo alla Malattia di Parkinson, contribuendo a ridurre l’isolamento nel quale le persone con la Malattia di Parkinson possono non di rado sentirsi e a favorire una società più inclusiva e compassionevole.

In definitiva, questi ritratti delle persone con la malattia di Parkinson, e dell’universo che li circonda, vorrebbero essere un’occasione di connessione profonda e di sviluppo dell’empatia. Ci permettono di avvicinarci alle persone – esseri umani come te, come noi – e alle loro esperienze, apprezzandone magari la loro umanità e riconoscendo appieno il valore di ogni persona.

E, attraverso questa empatia, possiamo provare a contribuire nel rompere le barriere eventualmente ancora esistenti e a creare un ambiente più accogliente e comprensivo non solo per coloro che vivono con la Malattia di Parkinson.

Roma, 8 luglio 2023

Gerardo Regnani

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE / COULD YOU BE INTERESTED TO:

Picsart_23-06-28_16-48-18-602

Logo-Fine -

***

DONARE È AMARE! / DONATING IS LOVING!

 

 

 

QR-code logo PARKTRAITS

Dona ANCHE TU!

LOTTA con noi, contro la Malattia di PARKINSON.

PROMUOVI e SOSTIENI il Progetto PARKTRAITS

AIUTA anche TU il progetto PARKTRAITS
DONA ORA con PayPal (anche usando il QR-code allegato) o con la carta di credito a:

@parktraits

oppure

FINE Associazione culturale @parktraits

oppure

parktraits.parkinsonportraits@gmail.com

Per DONAZIONI, info/contatti e per inviare il tuo SELFIE o il tuo ritratto:

parktraits.parkinsonportraits@gmail.com

Grazie
——-
Associazione Culturale no-profit
F.I.N.E. (Fotografia e Incontri con le Nuove Espressioni)

PARKTRAITS project

DonarSI un pò
e come AMARE
e AIUTA, SaI,
a non… sentirSI + soli!

***

ART vs Parkinson’s too!

Più SI è e più… SI “è”!

What “game” are we playing? “Parktraits” in… “revealing cards” – A che “gioco” giochiamo? “Parktraits” a… “carte scoperte”ultima modifica: 2023-07-29T21:46:37+02:00da gerardo.regnani
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply